Autore

Adriana Riccomagno

Giornalista professionista esperta di temi sanitari
93 Articoli pubblicati

Quando è meglio sospendere un farmaco: il de-prescribing

Dalle evidenze scientifiche alle esperienze pratiche di deprescrizione: figure coinvolte, dal medico di medicina generale al farmacologo e al geriatra, e stakeholder a confronto nel workshop promosso nell'ambito delle attività intersocietarie dell’Associazione Italiana di Epidemiologia e della Società Italiana di Farmacologia

Acquistare valore con gare innovative: il progetto Mitmeva dell’Hospital Clínic di Barcellona

Acquistare valore, come fare? Si può prendere esempio dal programma Mitmeva dell'Hospital Clínic di Barcellona, un progetto con numerosi aspetti di innovatività, a partire dall'essere stato promosso con fondi europei. Analizziamo i profili di innovatività con Giuditta Callea (SDA Bocconi) e Claudio Amoroso (Fare)

Recuperare la complessità per superare il divario tra aspettative e realtà nei servizi pubblici digitali

Recuperando la complessità: solo così lo Stato potrà offrire servizi digitali adeguati alle esigenze dei propri cittadini nell’epoca del “tutto e subito”, in cui ci aspettiamo l’immediata soddisfazione delle nostre necessità. Parola di Gianluca Sgueo, autore de "Il divario. I servizi pubblici digitali tra aspettative e realtà"

Gare di appalto in sanità: l’esempio della Liguria

Farmacisti ospedalieri, provveditori, clinici e personale amministrativo si sono dati appuntamento a Genova per una giornata di formazione su criteri di aggiudicazione, valutazioni di HTA e requisiti di qualità nelle procedure di acquisto

Value-based healthcare, Federico Lega: “Non faccia la fine di altre mode”

La value-based healthcare (Vbhc) e il pericolo che corrono le buone idee che diventano moda: sciuparsi prima di esprimere il loro potenziale. Ne parliamo con Federico Lega a margine del seminario sul tema che ha tenuto alla European Health Management Association (Ehma)

Stampa 3D di organi e tessuti: oggi sulla terra e domani nello spazio

La farmacologa Maria Pia Abbracchio, prorettrice vicaria con delega a Ricerca e Innovazione dell’Università degli Studi di Milano, fa parte di un gruppo di ricerca dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) che studia la stampa 3D di organi nello spazio: "pezzi di ricambio" a misura di astronauta

Cronicità pediatrica: perché i bisogni di un bambino non sono quelli di un adulto

"Il bambino non può essere inteso come un piccolo adulto e ha perciò diritto a essere curato da personale specializzato, in ambienti a lui dedicati che garantiscano l’adeguamento dei piani di cura alle diverse esigenze che le diverse età impongono". Il punto sulla cronicità pediatrica con Patrizia Elli della Fondazione Maddalena Grassi

Sanità. Una regione digitale: l’Emilia-Romagna

A un anno dal lancio del Progetto Sanità Digitale, l'AUSL della Romagna si proietta speditamente verso l’orizzonte della transizione digitale, avvalendosi di sistemi informatici all’avanguardia nell’ambito dell’Internet of Medical Things (IoMT), della telemedicina fino all’impiego del Digital Twin. È tempo di fare un bilancio, analizzando successi, criticità e prospettive dell'iniziativa in particolare in ottica di attuazione del PNRR

Una pillola su misura pronta in pochi secondi

Nel 2015 la Food And Drug Administration ha dato per la prima volta il via libera a un farmaco stampato in 3D. Da allora, spiega la farmacologa Maria Pia Abbracchio, prorettrice vicaria con delega a Ricerca e Innovazione dell’Università di Milano, sono stati fatti ulteriori passi avanti. E siamo appena all'inizio.

Innovare la sanità con il digitale: un problema di norme

Al convegno "Innovare la sanità: verso un'assistenza tecnologica" della Fondazione Cesifin sono stati affrontati i principali profili giuridici della digitalizzazione della sanità italiana. Tra i relatori, Assuntela Messina, sottosegretario di Stato al Ministero dell'innovazione tecnologica e la transizione digitale, Ginevra Cerrina Feroni, vice Presidente Garante Privacy, e Luca Monteferrante, Capo dell’Ufficio Legislativo del Ministero della Salute